RITA Pensioni 2017: che cos’è, chi sono i destinatari e quali sono i requisiti necessari

Negli ultimi tempi si sta sentendo parlare molto della RITA, acronimo di Rendita Integrativa Temporanea Anticipata. Ma di cosa si tratta? E qual è il legame con le pensioni?

RITA Pensioni 2017: che cos'è?

La rendita integrativa temporanea anticipata è una delle modalità, contenuta all'interno della legge di Bilancio per il 2017, per anticipare il versamento di un reddito così da raggiungere la pensione di vecchiaia per i lavoratori che abbiano fatto ricorso a forme di previdenza integrative regolate dal Dlgs 252/2005.

L'operazione consiste in un reddito ponte, erogato dal Fondo di previdenza complementare a cui il lavoratore ha contribuito (se ha aderito a queste forme complementari di previdenza) con la conseguenza di erodere il capitale accumulato nel fondo.

RITA Pensioni: i requisiti

Ancora in via sperimentale, dal 1° maggio 2017 al 31 dicembre 2018, la RITA pensioni si rivolge ai lavoratori iscritti a forme di previdenza pubbliche obbligatorie e che abbiano i seguenti requisiti:

  • almeno 63 anni di età;
  • 20 anni di contributi;
  • a non più di 3 anni e 7 mesi dal pensionamento di vecchiaia nel regime pubblico obbligatorio;
  • maturato un rateo pensionistico nel regime obbligatorio non inferiore a 1,4 volte il trattamento minimo INPS (702,65 euro al mese).

RITA e incentivi fiscali

E' possibile beneficiare di alcuni incentivi fiscali in quanto l'operazione prevede che la parte imponibile della RITA venga assoggettata a tassazione con la ritenuta a titolo d'imposta con l'aliquota del 15%.

Viene inoltre ridotta dello 0,3% per ogni anno oltre il quindicesimo di partecipazione a forme pensionistiche complementari, con un limite massimo di riduzione di 6 punti percentuali fino ad abbassare l'aliquota sostitutiva al 9%.

Per applicare l'aliquota ridotta, verranno conteggiati fino a un massimo di 15 anche gli anni di iscrizione alla previdenza complementare precedenti al 1° gennaio 2007.

RITA Pensioni 2017: chi sono i destinatari?

Potranno accedere alla RITA pensioni i seguenti cittadini:

  • i lavoratori del settore privato;
  • i dipendenti del settore pubblico.

In ambo i casi devono aver aderito a fondi pensione o piani individuali pensionistici. 

Chi non può accedere alla RITA 2017?

Non possono beneficiare della RITA pensioni i lavoratori aderenti ai fondi preesistenti (istituiti prima del 1993) in regime di prestazione definita, poiché i fondi in questione potrebbero portare a effetti negativi sull’equilibrio delle gestioni.

Preventivi prestiti gratis in 5 minuti

 

Calcolo Pensione Online: ultime notizie

Pensione di vecchiaia 2015: come e chi può accedervi La pensione di vecchiaia 2015 è una prestazione economica fornita dall’Inps ai cittadini che hanno perfezionato determinati requisiti contributivi e anagrafici. Ecco quelli necessari ad andare in pensione di vecchiaia nel 2015. Pensione di vecchiaia...
Previdenza complementare wikipedia: come funziona? Previdenza complementare wikipedia: storia dei fondi pensione Nell'ordinamento italiano i fondi pensione sono strumenti tecnici che permettono ai lavoratori di garantirsi una pensione complementare, che va ad integrare quella erogata dagli enti previ...
Requisiti pensioni 2015: come cambieranno le cose nei prossimi mesi I requisiti pensioni 2015 sono in gran parte legati alla Legge Fornero e stanno per essere interessati da cambiamenti inerenti l'età anagrafica. Pensioni: dal 2016 aumenta l'età per lasciare il lavoro I requisiti pensioni 2015 stanno per cambiare...
Pensioni 2015: pagamenti gennaio e problemi di calcolo Pensioni 2015 novità: le preoccupazioni di Spi Cgil Il 2015 coincide con l’entrata in vigore di vari nuovi dispositivi normativi, che potrebbero generare qualche complicazione nel meccanismo dei pagamenti dell’istituto di previdenza pubblico. Si ...
Previdenza complementare Tfr: richiederlo in busta paga? Previdenza complementare: il Tfr è coinvolto nella riforma del Governo? Uno degli interventi cardine della Legge di Stabilità è la possibilità di riscattare in anticipo il Tfr e farlo inserire in busta paga, in modo da spenderlo subito. Un provvedime...

 

Maggiori informazioni qui: , ,
Ti è piaciuto l'articolo? Sei rimasto soddisfatto? Aiutaci a far crescere il portale clicca qui: