RITA Pensioni 2017: che cos’è, chi sono i destinatari e quali sono i requisiti necessari

Negli ultimi tempi si sta sentendo parlare molto della RITA, acronimo di Rendita Integrativa Temporanea Anticipata. Ma di cosa si tratta? E qual è il legame con le pensioni?

RITA Pensioni 2017: che cos'è?

La rendita integrativa temporanea anticipata è una delle modalità, contenuta all'interno della legge di Bilancio per il 2017, per anticipare il versamento di un reddito così da raggiungere la pensione di vecchiaia per i lavoratori che abbiano fatto ricorso a forme di previdenza integrative regolate dal Dlgs 252/2005.

L'operazione consiste in un reddito ponte, erogato dal Fondo di previdenza complementare a cui il lavoratore ha contribuito (se ha aderito a queste forme complementari di previdenza) con la conseguenza di erodere il capitale accumulato nel fondo.

RITA Pensioni: i requisiti

Ancora in via sperimentale, dal 1° maggio 2017 al 31 dicembre 2018, la RITA pensioni si rivolge ai lavoratori iscritti a forme di previdenza pubbliche obbligatorie e che abbiano i seguenti requisiti:

  • almeno 63 anni di età;
  • 20 anni di contributi;
  • a non più di 3 anni e 7 mesi dal pensionamento di vecchiaia nel regime pubblico obbligatorio;
  • maturato un rateo pensionistico nel regime obbligatorio non inferiore a 1,4 volte il trattamento minimo INPS (702,65 euro al mese).

RITA e incentivi fiscali

E' possibile beneficiare di alcuni incentivi fiscali in quanto l'operazione prevede che la parte imponibile della RITA venga assoggettata a tassazione con la ritenuta a titolo d'imposta con l'aliquota del 15%.

Viene inoltre ridotta dello 0,3% per ogni anno oltre il quindicesimo di partecipazione a forme pensionistiche complementari, con un limite massimo di riduzione di 6 punti percentuali fino ad abbassare l'aliquota sostitutiva al 9%.

Per applicare l'aliquota ridotta, verranno conteggiati fino a un massimo di 15 anche gli anni di iscrizione alla previdenza complementare precedenti al 1° gennaio 2007.

RITA Pensioni 2017: chi sono i destinatari?

Potranno accedere alla RITA pensioni i seguenti cittadini:

  • i lavoratori del settore privato;
  • i dipendenti del settore pubblico.

In ambo i casi devono aver aderito a fondi pensione o piani individuali pensionistici. 

Chi non può accedere alla RITA 2017?

Non possono beneficiare della RITA pensioni i lavoratori aderenti ai fondi preesistenti (istituiti prima del 1993) in regime di prestazione definita, poiché i fondi in questione potrebbero portare a effetti negativi sull’equilibrio delle gestioni.

Preventivi prestiti gratis in 5 minuti

 

Calcolo Pensione Online: ultime notizie

Pensione di inabilità: ecco chi può richiederla La pensione di inabilità è una forma di sostegno economico che l’Inps eroga a chi, per motivi di infermità fisica o mentale, ha problemi a svolgere un’attività lavorativa. I requisiti per la pensione La pensione viene erogata dall’Ente a domanda ai...
Pensioni flessibilità: ecco perché lo Stato risparmierebbe In queste settimane si è parlato di flessibilità del sistema previdenziale come un ulteriore aumento delle spese per lo Stato e per le casse dell’Inps. Ma è davvero così? Dalla Commissione Lavoro arrivano pareri favorevoli in merito fin dalla pass...
Pensione di inabilità e invalidità, come si calcola? La pensione di inabilità e invalidità viene assegnata a persone che sono parzialmente o totalmente impossibilitate a svolgere un lavoro. Si tratta di prestazioni previdenziali, ovvero legate ai contributi versati. In questo articolo, vogliamo spie...
Www.Inps.it servizi online: come utilizzarli, la guida Www.Inps.it servizi online comprende una serie di alternative molto utili al cittadino che cerca un riferimento utile e rapido per informarsi sulla propria posizione previdenziale, ma anche per richiedere prestazioni economiche di sostegno al reddito...
Previdenza complementare deducibile dal redditto Irpef Previdenza complementare deducibile: come usufruire dei vantaggi fiscali? I contributi versati nelle forme di previdenza complementare sono deducibili dal reddito Irpef fino ad un massimo di 5.164,57 euro all'anno. Gli strumenti che permettono di fru...

 

Maggiori informazioni qui: , ,
Ti è piaciuto l'articolo? Sei rimasto soddisfatto? Aiutaci a far crescere il portale clicca qui: