Come fare calcolo pensione coltivatori diretti?

Calcolo pensione coltivatori diretti: quali i requisiti?

I coltivatori diretti rientrano, ai fini previdenziali, nella categoria dei lavoratori autonomi e, come tali, possono accedere alla pensione di anzianità al raggiungimento della quota 97, cifra data dalla somma tra l'età anagrafica e l'anzianità contributiva.

Ovviamente per accedere alla pensione è necessario raggiungere l'età pensionabile minima prevista ed essere in possesso di un requisito contributivo non inferiore a 35 anni. Ai fini dell'accesso alla pensione è possibile perfezionare il requisito contributivo con dei versamenti figurativi. Sono tuttavia esclusi dal calcolo i contributi figurativi relativi a disoccupazione ordinaria e malattia.

Calcolo pensione coltivatori diretti: contributi figurativi e differimento

I coltivatori diretti possono inoltre accedere alla pensione, a prescindere dall'età anagrafica, se titolari di almeno 40 anni di anzianità contributiva. In tal caso, se il soggetto ha assolto il requisito minimo dei 35 anni di contribuzione effettiva, è possibile utilizzare per il perfezionamento del requisito anagrafico anche la contribuzione figurativa per malattia e disoccupazione.

Da gennaio 2011 i lavoratori autonomi che perfezionano i requisiti previsti possono accedere alla pensione di anzianità con un differimento di 18 mesi dalla data di effettiva maturazione.

La pensione decorre il primo giorno del mese successivo allo scadere dei mesi di differimento e, in ogni caso, l'importo dell'assegno viene definito con il sistema contributivo (se il soggetto è in possesso di contribuzioni precedenti al primo gennaio 1996 si applica il metodo di calcolo misto). Ricordiamo infine che per l'accesso alla pensione coltivatori diretti non è richiesta la cessazione dell'attività lavorativa.

Preventivi prestiti gratis in 5 minuti

 

Calcolo Pensione Online: ultime notizie

Pensione scuola di vecchiaia, anticipata e riposo d’ufficio Pensione scuola: quali le possibili soluzioni per accedere alla pensione? Le nuove riforme previdenziali relative al settore scolastico hanno portato un sensibile aumento delle richieste di pensionamento. Si stima infatti che nel 2015 i pensionament...
Pensione anzianità e vecchiaia differenza: pro e contro Pensione anzianità e vecchiaia 2016: come funziona Pensione anzianità e vecchiaia differenza: cosa cambia. La pensione di anzianità è un trattamento pensionistico che nel corso degli anni sta gradualmente scomparendo, in quanto dalle ultime novità i...
Riforma delle pensioni: ecco come cambia il calcolo Riforma Renzi: le novità per il 2015 Se sotto alcuni aspetti il Governo Renzi non intende muovere un dito (es. sulla casa), sul fronte delle pensioni l’Esecutivo si sta dimostrando molto attivo. La vecchia riforma Fornero ha generato molto malconten...
Novità Pensioni Oggi: dal 2019 si andrà in pensione a 67 anni Appena l'altro giorno, l’ISTAT ha confermato che, alla luce del continuo aumento dell'aspettativa di vita, dal 2019 si andrà in pensione a 67 anni. Ma vediamo nel dettaglio cosa cambierà nei prossimi anni. Novità Pensioni Oggi: pensione a 67 anni? ...
Pensione di anzianità e di vecchiaia 2016: requisiti e novità Pensione di anzianità e vecchiaia 2016 Troppo spesso si tende a fare confusione tra la pensione di anzianità e di vecchiaia, termini che richiamano lo stesso concetto ma che allo stesso tempo hanno requisiti assolutamente differenti. La pensione ...

 

Maggiori informazioni qui:
Ti è piaciuto l'articolo? Sei rimasto soddisfatto? Aiutaci a far crescere il portale clicca qui: