Come avviene il calcolo pensione parasubordinati?

Calcolo pensione parasubordinati Gestione Separata Inps

La Gestione Separata Inps è un fondo previdenziale introdotto nel 1995 per tutelare determinate categorie di lavoratori che, non essendo in possesso dei requisiti per rientrare in una specifica Cassa o Fondo di previdenza sociale, sarebbero rimaste escluse dalle garanzie previdenziali.

Rientrano nella Gestione Separata i lavoratori autonomi e parasubordinati, i co.co.pro. e i co.co.co.. Fanno parte della gestione separata anche i professionisti senza ordini e casse e professionisti con attività non iscrivibili ad altre gestioni quali ad esempio ingegneri, realizzatori siti web, venditori porta a porta e medici con contratto di formazione.

Calcolo pensione parasubordinati: come accedere alla pensione? Quali i fattori che incidono sul calcolo dell’assegno?

La Gestione Separata INPS prevede un piano pensionistico a contributi definiti, che permette agli iscritti di ricevere una rendita vitalizia pari al 60% della somma da loro stessi versata durante la vita lavorativa.

Attualmente per accedere alla pensione i lavoratori parasubordinati e gli altri iscritti alla Gestione che hanno raggiunto l’età pensionabile (64 anni e 9 mesi) devono avere almeno 20 anni di contributi. Chi non ha raggiunto il requisito contributivo può in ogni caso accedere alla pensione al compimento di 70 anni di età, a condizione che abbia almeno 5 anni di versamenti.

Come viene calcolata la pensione parasubordinati? Ogni anno i lavoratori iscritti alla gestione separata versano i contributi obbligatori, in misura pari al 40% del totale. A fine anno l’ammontare accumulato viene rivalutato moltiplicando il montante contributivo per la media del PIL degli ultimi cinque anni. L’accumulo contributivo versato ogni anno dagli iscritti viene poi opportunamente rivaluto applicando uno specifico coefficiente di conversione aggiornato ogni tre anni.

Preventivi prestiti gratis in 5 minuti

 

Calcolo Pensione Online: ultime notizie

Coltivatori diretti pensione: come accedere al cumulo contributivo Pensione per i coltivatori diretti 2016 Non tutti i coltivatori diretti possono usufruire del nuovo cumulo contributivo per ottenere la pensione di vecchiaia. È quanto emerge dal messaggio 7145/2015 pubblicato il 25 novembre 2015 dall’Inps. Il cu...
Pensione anticipata per motivi di salute La pensione è un diritto acquisito di qualsiasi lavoratore abbia maturato dei contributi durante l'età lavorativa, avendo svolto la sua attività in regola. Il lavoratore arriva a percepire la pensione quando concordano determinati requisiti, che non...
Pensione di vecchiaia senza contributi 2016: le opportunità Pensione di anzianità senza contributi: un trattamento particolare Il tema delle pensioni è al centro dell’agenda politica. Il motivo di ciò risiede negli strascichi che la riforma Fornero ha lasciato. Nello specifico, il legislatore ha inasprito i ...
Cessione del quinto per pensionati nel 2015, cosa sapere Sia un dipendente pubblico che un pensionato della pubblica amministrazione possono ricorrere ad un prestito personale Inpdap che prevede una particolare formula di finanziamento, ovvero la Cessione del quinto del proprio stipendio o pensione. Questa...
Pensione di anzianità donne: i requisiti per il 2016 La pensione di anzianità donne - dopo la Legge Fornero pensione anticipata - è un'opzione che permette di lasciare il lavoro prima del raggiungimento dell'anzianità massima di servizio. Pensione anzianità: i requisiti per le donne Per richiedere la...

 

Maggiori informazioni qui:
Ti è piaciuto l'articolo? Sei rimasto soddisfatto? Aiutaci a far crescere il portale clicca qui: