Pensione minima: come accedervi e chi ne ha diritto

La pensione minima, nota anche con la definizione d’integrazione al trattamento minimo, è una prestazione previdenziale erogata dall’Inps con l’obiettivo di tutelare il benessere dei soggetti beneficiari di un assegno pensionistico, che non risulta però a norma di legge sufficiente alla conduzione di una vita dignitosa.

A livello prettamente tecnico si tratta di un istituto introdotto in seguito all’applicazione dell’articolo 6 della legge 638/1983.

Requisiti pensioni: quali sono i criteri per il diritto all’integrazione al trattamento minimo?

L’integrazione alla pensione minima viene riconosciuta nel 2015 a soggetti il cui reddito pensionistico mensile risulta inferiore a 502,39€ (la cifra varia di anno in anno).

Per avere diritto all’integrazione al trattamento minimo è necessario soddisfare determinati requisiti oltre alla ricezione di un assegno pensionistico mensile inferiore alla cifra appena ricordata.

  • Persone singole: i soggetti singoli (oppure i pensionati coniugati e legalmente separati o divorziati) hanno diritto all’integrazione al trattamento minimo a fronte di un reddito minimo che, per il 2015, non superi i 6.531,07€. L’integrazione parziale può essere concessa oltre questa cifra, ma mai sopra i 13.062,14€.
  • Coppie sposate: le coppie sposate possono avvalersi di un’integrazione totale se il reddito risulta inferiore ai 19.553,82€ annui. Non risulta possibile usufruire d’integrazione in caso di reddito superiore ai 26.071,76€.

Pensione minima Inps: quali sono i redditi da considerare?

Quali sono i redditi da considerare quando si parla di pensione minima e d’integrazione al trattamento?

Chi ha intenzione di avvalersi di questo istituto deve prendere come riferimento tutti i redditi personali e quelli del proprio coniuge, con l’eccezione di redditi esenti da Irpef (pensioni d’invalidità, indennità di guerra, trattamento di fine rapporto), della cifra da integrare al minimo, delle rendite derivanti dall’immobile di abitazione e dagli arretrati soggetti a regime di tassazione separata.

Una tantum: ecco chi può ricevere ulteriori importi oltre all’integrazione alla minima

L’integrazione alla pensione minima comprende anche un importo una tantum, che viene riconosciuto ai pensionati che hanno almeno 64 anni e redditi che non siano superiori di una volta e mezzo rispetto all’importo annuo del trattamento minimo riconosciuto dall’Inps.

Questa somma dipende dagli anni di anzianità contributiva, e può arrivare fino a 504€. La sua erogazione avviene in corrispondenza con la mensilità di luglio.

Pensione minima 2015: ecco a chi spetta l’importo aggiuntivo

Quando l’integrazione alla pensione minima sommata a eventuali maggiorazioni sociali non porta il pensionato a percepire un reddito superiore a 6.531,07€ scatta il diritto all’importo aggiuntivo.

Di cosa si tratta? Di una somma fissa pari a 154,94€, la cui erogazione avviene in concomitanza con il versamento della mensilità di dicembre.

Preventivi prestiti gratis in 5 minuti

 

Calcolo Pensione Online: ultime notizie

Pensione di vecchiaia donne: requisiti d’accesso fino 2017 La pensione di vecchiaia donne è una prestazione previdenziale che può essere erogata a domanda a tutte quelle lavoratrici - sia dipendenti sia autonome - che hanno raggiunto una determinata età e una specifica anzianità contributiva. Pensione di ve...
No tax area pensionati sotto gli 8 mila euro No tax area pensionati Legge di Stabilità Da diversi mesi ormai aleggiano mille dubbi sulla nuova Legge di Stabilità, che negli ultimi giorni sta subendo gli ultimi ritocchi in Commissione bilancio alla Camera, soprattutto per gli emendamenti riguar...
Enasarco: come fare domanda di pensione Gli agenti Enasarco che decidono di fare domanda per la pensione di vecchiaia devono soddisfare dei requisiti specifici. Vediamo quali sono e come procedere nella richiesta di pensionamento. Fondazione Enasarco, Agenti di commercio pensione: ecco i ...
Come fare calcolo pensione coltivatori diretti? Calcolo pensione coltivatori diretti: quali i requisiti? I coltivatori diretti rientrano, ai fini previdenziali, nella categoria dei lavoratori autonomi e, come tali, possono accedere alla pensione di anzianità al raggiungimento della quota 97, cifr...
Calcolo Pensione 2017: quando si va in pensione? Con la Riforma pensione 2017 sono cambiati molti fattori di calcolo pensione, il che ha creato non poca confusione. Le notizie false in merito escono quasi ogni giorno e serve un po' di chiarezza. Oggigiorno per rispondere alla domanda su quando s...

 

Maggiori informazioni qui:
Ti è piaciuto l'articolo? Sei rimasto soddisfatto? Aiutaci a far crescere il portale clicca qui: