Calcolo pensione 2015: cosa cambia?

Calcolo pensione 2015: i nuovi requisiti da rispettare

Con l’anno nuovo tanti lavoratori si chiedono quali siano i requisiti da maturare per lasciare il lavoro e accedere al pensionamento. Cerchiamo di tracciare un quadro puntuale e di evidenziale le differenze rispetto allo scorso anno.

Le lavoratrici che sono occupate in ambito privato, fino al 31 dicembre 2015, dovranno avere 63 anni e 9 mesi mentre dal gennaio 2016 fino alla fine del 2018 il requisito sale e tocca i 65 anni e 7 mesi. Valori destinati a cambiare ancora nel caso dei pensionamenti che si verificheranno dal 2019 al 2020, per i quali sono applicati 66 anni e 11 mesi.

Le lavoratrici autonome e gestione separata andranno in pensione, fino al 31 dicembre 2015, a 64 anni e 9 mesi. Per il 2016 e il 2017 il requisito è 66 anni e 1 mese, mentre dal 2019 al 2020 le pensionate dovranno avere almeno 66 anni e 11 mesi.

Calcolo pensione dal 2015, il pubblico impiego e i lavoratori autonomi

Ma passiamo al settore pubblico. I lavoratori e le lavoratrici, fino alla fine dell’anno, andranno in pensione solo al compimento di 66 anni e 3 mesi. Dall’inizio del 2016 fino al 31 dicembre 2018 si passa invece ai 66 anni e 7 mesi, mentre nel 2019 e 2020 avremo 66 anni e 11 mesi.

Se consideriamo i lavoratori autonomi e gestione separata, fino al 31 dicembre 2015 è applicata la soglia dei 66 anni e 3 mesi. Dal mese di gennaio 2016 al 31 dicembre 2018 avremo poi 66 anni e 7 mesi. Per il biennio 2019-2020 la pensione di vecchiaia sarà possibile solo a condizione di aver raggiunto i 66 anni e 11 mesi.

Calcolo pensione 2015: pensioni d’oro e niente penalizzazioni per pensioni anticipate

La differenza maggiore che interessa il passaggio dal 2014 al 2015 è costituita dalla cancellazione delle penalizzazioni per quanti vanno in pensione prima dei 62 anni a fronte di 42 anni e 1 mese di contributi, per gli uomini, o 41 anni e 1 mese, per le donne. Non solo. Con il nuovo anno è tracciato un limite alle pensioni d’oro, ma che scatta solo a partire dal 2015.

Questione molto delicata è quella delle rivalutazioni. Avremo uno 0,3% per le pensioni fino a 3 volte il trattamento minimo (circa 1.500 euro), lo 0,285% per le pensioni fino a 2mila euro, lo 0,225% per le pensioni fino 2.500 euro. Ancora più contenuta la rivalutazione per le pensioni fino a 3mila euro (0,150%), oltre questa soglia la rivalutazione è dello 0,135%.

Preventivi prestiti gratis in 5 minuti

 

Calcolo Pensione Online: ultime notizie

Sentenza TAR Lazio 2015: rivalutazione dei montanti pensione Sentenza TAR Lazio: i giudici amministrativi rivoluzionano il calcolo pensione Il TAR del Lazio ha emesso una sentenza che rivoluziona il sistema previdenziale italiano. Da settembre 2015 gli enti previdenziali potranno utilizzare le risorse a propr...
Pensioni 2016: i nuovi requisiti per il pensionamento Pensioni 2016 news: cosa cambia per i lavoratori In Italia le regole previdenziali subiscono spesso modifiche che  possono risultare anche complicate da comprendere ecco perché districarsi da soli tra emendamenti ed eventuali riforme non è sempre mo...
Requisiti pensioni 2015: come cambieranno le cose nei prossimi mesi I requisiti pensioni 2015 sono in gran parte legati alla Legge Fornero e stanno per essere interessati da cambiamenti inerenti l'età anagrafica. Pensioni: dal 2016 aumenta l'età per lasciare il lavoro I requisiti pensioni 2015 stanno per cambiare...
RITA Pensioni 2017: che cos’è, chi sono i destinatari e quali sono i requi... Negli ultimi tempi si sta sentendo parlare molto della RITA, acronimo di Rendita Integrativa Temporanea Anticipata. Ma di cosa si tratta? E qual è il legame con le pensioni? RITA Pensioni 2017: che cos'è? La rendita integrativa temporanea anticipat...
Calcolo Pensione 2017: quando si va in pensione? Con la Riforma pensione 2017 sono cambiati molti fattori di calcolo pensione, il che ha creato non poca confusione. Le notizie false in merito escono quasi ogni giorno e serve un po' di chiarezza. Oggigiorno per rispondere alla domanda su quando s...

 

Maggiori informazioni qui:
Ti è piaciuto l'articolo? Sei rimasto soddisfatto? Aiutaci a far crescere il portale clicca qui: