Rimborsi pensioni: il Governo restituisce meno del previsto

Dopo la sentenza della Consulta che ha bocciato l’articolo 24 della Legge Fornero il tema rimborsi pensioni è al centro dell’attenzione mediatica.

Rimborsi pensioni Fornero: ecco quanto ha restituito il Governo

L’applicazione della sentenza della Consulta che ha decretato l’incostituzionalità del blocco dei trattamenti pensionistici è stata concretizzata dal Governo con uno “sconto” sulle restituzioni, la cui totalità sarebbe stata pari a 17,6 miliardi di euro per il 2015 e a 4,4 miliardi di euro per il 2016.

I rimborsi pensioni, come specificato dal Presidente della Commissione Parlamentare di Bilancio nel corso di un’audizione ufficiale, sono pari infatti solo al 12% di quanto gli ex lavoratori hanno perso negli anni di mancato adeguamento dei trattamenti al costo della vita.

Rimborsi pensionistici: l’azione governativa si è concentrata sui redditi più bassi

Il Presidente della Commissione Parlamentare di Bilancio Pisauro ha dichiarato ufficialmente che con il decreto sui rimborsi pensioni il Governo si è concentrato sui soggetti appartenenti a fasce di reddito basse.

Questo ha comunque determinato un’erosione della disponibilità finanziaria statale, in parte concentrata nel tesoretto DEF che, a detta dello stesso Pisauro, non è più disponibile.

Rimborsi pensioni ultime notizie: i rischi della restituzione totale

Pisauro si è detto favorevole alla scelta di gestire i rimborsi pensioni privilegiando i redditi più bassi.

In caso di restituzione totale di quanto bloccato con le deindicizzazioni il rischio sarebbe stato infatti quello di concentrare il 33,9% del totale delle risorse nelle tasche dei titolari di trattamenti pensionistici compresi tra il triplo e il quadruplo della pensione minima Inps, pari a 500€.

Questo senza contare l’aumento del deficit, che avrebbe superato la soglia di guardia del 2,6% del Pil.

Dalle restituzioni sancite dal decreto rimangono fuori i pensionati titolari di trattamenti sei volte superiori alla minima Inps, quindi pari a una cifra che va dai 3.000€ in su.

Il provvedimento coinvolge in ogni caso solo il 30% dei pensionati italiani, in quanto il restante 70%, ai tempi dell’approvazione della Legge Fornero, beneficiava di un trattamento inferiore al triplo della minima Inps.

Rimborsi pensioni 2015: l’opione del segretario generale Uil

Tra le varie considerazioni espresse in merito alla questione rimborsi pensioni e in particolare alle dichiarazioni di Pisauro spicca l’opinione di Romano Bellissima, il segretario generale Uil, secondo il quale il decreto è “inadeguato e insufficiente”.

Bellissima ha portato in primo piano la necessità di una revisione che preceda la conversione in legge, così da scongiurare il rischio che i pensionati ricevano effettivamente molto meno rispetto a quanto perso nel biennio 2012/2013.

Altro nodo da non trascurare è la questione della riduzione del montante della pensione, sul quale verrà calcolata l’entità dei trattamenti da erogare nei prossimi anni, con effetti negativi non indifferenti per le nuove generazioni.

Preventivi prestiti gratis in 5 minuti

 

Calcolo Pensione Online: ultime notizie

Pensione sociale 2015, chi può beneficiarne La pensione sociale 2015 viene erogata, a supporto del reddito, dall’Inps dopo richiesta del cittadino. A partire da gennaio 2015 possono farne richiesta tutti coloro che hanno compiuto 65 anni e tre mesi, mentre per il 2016 e il 2017 pare che il lim...
Cessione del quinto per pensionati nel 2015, cosa sapere Sia un dipendente pubblico che un pensionato della pubblica amministrazione possono ricorrere ad un prestito personale Inpdap che prevede una particolare formula di finanziamento, ovvero la Cessione del quinto del proprio stipendio o pensione. Questa...
Pensione di invalidità Inps reddito: i limiti da rispettare Pensione di invalidità civile e reddito Pensione di invalidità Inps reddito: quali sono i limiti stabiliti dalla normativa vigente? La pensione di invalidità viene riconosciuta ai mutilati o invalidi civili affetti da minorazioni sia congenite che a...
Www.inps.it pensioni: guida ai servizi online Quando si parla di www.inps.it pensioni non si può non chiamare in causa tutto quello che riguarda i servizi online, un sistema riformato inseguito alla soppressione dell'Inpdap. Vediamo assieme qualche specifica in merito e come orientarsi tra i ser...
Www.Inps.it servizi online: come utilizzarli, la guida Www.Inps.it servizi online comprende una serie di alternative molto utili al cittadino che cerca un riferimento utile e rapido per informarsi sulla propria posizione previdenziale, ma anche per richiedere prestazioni economiche di sostegno al reddito...

 

Maggiori informazioni qui:
Ti è piaciuto l'articolo? Sei rimasto soddisfatto? Aiutaci a far crescere il portale clicca qui: