Quanto prende di pensione una casalinga

Con la situazione lavorativa attuale, spesso caratterizzata da incertezza, capita frequentemente che una donna fatichi a trovare un impiego. Per questo motivo è molto utile informarsi su quanto prende di pensione una casalinga, così da avere le idee chiare sulla gestione dei contributi volontari.

Fondo casalinghe: ecco come funziona

Per informarsi su quanto prende di pensione una casalinga è opportuno fare riferimento al Fondo Casalinghe, istituito nel 1997 e dedicato alle persone che svolgono lavori di cura dell’ambiente domestico senza percepire alcuna retribuzione.

Il suddetto Fondo è dedicato a soggetti di entrambi i sessi e di età compresa tra i 16 e i 65 anni. Quali sono gli altri requisiti per l’accesso?

Prima di tutto lo svolgimento di un lavoro di cura della casa non retribuito e senza alcun vincolo di subordinazione. Un altro requisito fondamentale per iscriversi al Fondo Casalinghe è la mancanza della titolarità di una pensione diretta.

Per iscriversi non bisogna svolgere un’attività lavorativa come dipendente o libero professionista tale da richiedere l’iscrizione a un’altra cassa previdenziale.

Pensione per casalinghe: come iscriversi al Fondo

Un altro aspetto che è bene approfondire quando ci si informa su quanto prende di pensione una casalinga riguarda le modalità d’iscrizione al già citato Fondo.

In questo caso bisogna considerare come punto di riferimento principale il sito ufficiale Inps.it e i servizi online messi a disposizione dei contribuenti iscritti al portale, che possono essere identificati tramite il PIN personale e il codice fiscale.

Versamenti pensioni casalinghe: ecco cosa sapere

Un’ulteriore cosa da sapere prima di entrare nel dettaglio di quanto prende di pensione una casalinga riguarda l’entità dei versamenti al Fondo, che sono liberi.

Da specificare è che il versamento di 25,82€ consente l’accredito di un mese di contribuzione. Il versamento dei contributi liberi e volontari al Fondo Casalinghe può essere effettuato in qualsiasi momento dell’anno attraverso bollettini postali inviati a casa dell’iscritto direttamente dall’Ente, unitamente a una lettera che conferma l’iscrizione al Fondo.

Pensione alle casalinghe di 57 anni: quanto viene erogato?

Informarsi su quanto prende di pensione una casalinga e sulle caratteristiche del Fondo dedicato a chi svolge lavori domestici non retribuiti significa considerare che, a partire dal compimento del 57° anno di età, le casalinghe hanno la possibilità di percepire una pensione di vecchiaia.

Il requisito principale per accedere alle pensioni da casalinga a 57 anni prevede il versamento di almeno 60 mesi di contributi.

A questo punto è opportuno specificare quanto spetta. La prima cosa da dire è che il metodo di calcolo è contributivo, in quanto non si può fare riferimento ad alcun tipo di retribuzione percepita dall’iscritto al Fondo.

In secondo luogo è bene ricordare che queste pensioni non sono integrabili con il trattamento minimo Inps e che è obbligatoria l’iscrizione all’INAIL.

Preventivi prestiti gratis in 5 minuti

 

Calcolo Pensione Online: ultime notizie

Cosa sono i contributi figurativi? Come funzionano? Orientarsi bene tra le varie definizioni legate all’ambito previdenziale è fondamentale per fare chiarezza sul proprio futuro. Tra i vari punti importanti da sviscerare è presente anche la questione cosa sono i contributi figurativi. Contributo figu...
Riforma pensioni 2016 ultime novità: precoci e opzione donna Riforma pensioni del 2017: le ultime novità Continuano i dibattiti sulla riforma pensioni 2017 che riguardano sia gli interventi che sono stati rimandati al futuro per garantire una maggiore flessibilità in uscita ma soprattutto le modifiche tampone...
Pensioni uscita flessibile: ecco le mosse del Governo Il nodo pensioni uscita flessibile è al centro dell’attenzione da diverso tempo, in quanto si attende un cambio di passo che risolva le criticità portate a galla dalla Legge Fornero. Flessibilità in uscita: iniziato il tavolo di confronto tra govern...
Pensione quota 96: via i paletti occupazionali Il nodo della pensione quota 96 è tornato recentemente al centro dell’attenzione per via di un’interrogazione parlamentare firmata dall’onorevole Maria Luisa Gnecchi, che propone come punto principale l’eliminazione dei paletti occupazionali fissati ...
Novità riforma pensioni 2017: cosa ha in serbo il nuovo anno Quali sono le novità riforma pensioni 2017? A pochi giorni dall’inizio del nuovo anno e con la chiusura dei lavori sulla Legge di Stabilità non sono stati registrati cambiamenti sostanziali, il che significa che il punto di riferimento a livello p...

 

Maggiori informazioni qui:
Ti è piaciuto l'articolo? Sei rimasto soddisfatto? Aiutaci a far crescere il portale clicca qui: