Prestiti pensionati Banco di Napoli

I prestiti pensionati Banco di Napoli sono finanziamenti personali richiedibili anche da chi non è cliente dell’istituto di credito. Vediamo le caratteristiche principali e le modalità d’accesso al credito.

Prestiti personali Banco di Napoli: l’alternativa per i pensionati Inps

I prestiti pensionati Banco di Napoli sono linee di credito non finalizzate riservate ai titolari di un trattamento pensionistico Inps. Come già ricordato, non risulta condizione necessaria il fatto di essere correntisti dell’istituto di credito facente parte del gruppo Intesa Sanpaolo.

A questa tipologia di prestiti viene applicato un requisito anagrafico, ossia un’età massima di 83 anni per il richiedente.

Prestiti personali Sanpaolo Banco di Napoli: come vengono rimborsati?

Il rimborso dei prestiti pensionati Banco di Napoli si basa sulla cessione del quinto dell’assegno pensionistico. Perché il finanziamento possa essere accettato, è necessario che al momento della richiesta la pensione non sia gravata da altre cessioni.

Non risulta consentito richiedere la cessione del quinto per le pensioni e gli assegni sociali, per le pensioni d’invalidità civile, per gli assegni erogati mensilmente per assistenza a pensionati in stato di disabilità, per le pensioni ai superstiti con più titolari, per gli assegni di sostegno al reddito e per gli assegni al nucleo familiare.

Prestiti pensionati Banco di Napoli: informazioni su rate e tassi

I prestiti pensionati Banco di Napoli possono essere rimborsati attraverso rate mensili comprese tra un minimo di 24 e un massimo di 120.

I pensionati Inps possono richiedere finanziamenti dai 3.600 ai 75.000€ - accreditabili anche su conto corrente di terzi - e comprensivi di tutti gli oneri connessi all’operazione (interessi e imposte).

Condizione necessaria per l’erogazione del prestito è la stipula di una polizza assicurativa, avente l’obiettivo di garantire la copertura del debito in caso di decesso del beneficiario del finanziamento (il premio è a carico dell’istituto di credito).

Il tasso d’interesse è fisso per tutta la durata del finanziamento e dipende dall’età del richiedente al momento della ricezione del prestito e alla fine del piano di ammortamento.

Prestiti Banco di Napoli: quali documenti per i prestiti pensionati?

Quali sono i documenti da presentare per la richiesta di prestiti pensionati Banco di Napoli? La carta d’identità, il codice fiscale, la Comunicazione Quota Cedibile rilasciata dall’Ente. In quanto prestito non finalizzato, questo finanziamento non obbliga alla presentazione di alcun preventivo di spesa.

L’estinzione anticipata totale o parziale del debito è ammessa ma prevede i seguenti pagamenti:

  • 1% di quanto anticipatamente restituito se la durata residua del piano di ammortamento è superiore a un anno.
  • 0,50% del capitale anticipatamente restituito se la durata residua del finanziamento è pari o inferiore a un anno.

In caso di restituzione anticipata dell’intero debito residuo o di una quota pari o inferiore a 10.000€ non è previsto alcun tipo d’indennizzo.

Preventivi prestiti gratis in 5 minuti

 

 

Maggiori informazioni qui:
Ti è piaciuto l'articolo? Sei rimasto soddisfatto? Aiutaci a far crescere il portale clicca qui: