Pensione di vecchiaia donne: requisiti d’accesso fino 2017

La pensione di vecchiaia donne è una prestazione previdenziale che può essere erogata a domanda a tutte quelle lavoratrici - sia dipendenti sia autonome - che hanno raggiunto una determinata età e una specifica anzianità contributiva.

Pensione di vecchiaia: i requisiti per le donne fino al 2017

Le lavoratrici dipendenti in possesso di anzianità contributiva al 31 dicembre 1995 hanno modo di beneficiare della pensione di vecchiaia donne solo se possono vantare un’anzianità contribuitiva non inferiore ai 20 anni.

Per quanto riguarda i requisiti anagrafici, fino al 31 dicembre 2017 sono fissati a 65 anni e 7 mesi. Quanto appena specificato vale per le lavoratrici dipendenti iscritte all’AGO. Ecco la situazione per le iscritte alla gestione separata.

Età pensionabile: i requisiti per le iscritte alla gestione separata

Quali sono i requisiti per la pensione di vecchiaia donne riguardanti nello specifico le lavoratrici iscritte alla gestione separata? Tenendo ferma la necessità di maturare almeno 20 anni di contributi, il limite minimo di età è pari a 64 anni e 9 mesi fino al 31 dicembre 2015.

A partire dal 1° gennaio 2016 l’età pensionabile sale a 66 anni e 1 mese, secondo quanto previsto dall’aumento delle aspettative di vita.

Pensioni donne: cosa succede a chi ha iniziato a versare i contributi dal 1996

Un caso particolare in ambito pensione di vecchiaia donne riguarda le lavoratrici che hanno iniziato a versare contributi a decorrere dal 1° gennaio 1996. Ecco le due strade possibili:

  • Diritto alla pensione di vecchiaia a fronte della maturazione di 20 anni di contributi e di requisiti anagrafici di volta in volta rispondenti all’aspettativa di vita, questo se l’assegno pensionistico non risulta inferiore a 1,5 volte l’importo dell’assegno sociale.
  • Diritto alla pensione di vecchiaia al compimento dei 70 anni (70 anni e 3 mesi a partire dal 1° gennaio 2016 per adeguamento all’aspettativa di vita) con 5 anni di contribuzione effettiva - non valgono i contributi figurativi - derivante da versamenti obbligatori, volontari o da riscatto.

Inps pensioni: quando inizia la decorrenza della pensione?

La decorrenza della pensione di vecchiaia donne inizia dal primo giorno del mese successivo a quello durante il quale è stato maturato il diritto al trattamento, a fronte del raggiungimento dei requisiti di età e di contribuzione.

Le lavoratrici a chiedere il trattamento di pensione di vecchiaia sono obbligate a cessare i rapporti di lavoro dipendenti, necessità che non sussiste in caso di esercizio di attività in libera professione.

La domanda di erogazione della pensione di vecchiaia può essere presentata online avvalendosi dei servizi del sito ufficiale Inps ma anche per telefono, attraverso una chiamata al Contact Center integrato 803164. La terza alternativa è rappresentata dai patronati dell’ente attivi sul territorio, che mettono a disposizione degli utenti tutta la modulistica per perfezionare le pratiche.

Preventivi prestiti gratis in 5 minuti

 

Calcolo Pensione Online: ultime notizie

No tax area pensionati sotto gli 8 mila euro No tax area pensionati Legge di Stabilità Da diversi mesi ormai aleggiano mille dubbi sulla nuova Legge di Stabilità, che negli ultimi giorni sta subendo gli ultimi ritocchi in Commissione bilancio alla Camera, soprattutto per gli emendamenti riguar...
Pensione di vecchiaia senza contributi 2016: le opportunità Pensione di anzianità senza contributi: un trattamento particolare Il tema delle pensioni è al centro dell’agenda politica. Il motivo di ciò risiede negli strascichi che la riforma Fornero ha lasciato. Nello specifico, il legislatore ha inasprito i ...
Pensione guardia di finanza 2017: requisiti, contributi e novità Anche nel 2017, le modalità per effettuare il calcolo pensione guardia di finanza, rimangono le stesse degli anni precedenti. Lo stesso discorso vale anche per i requisiti: restano validi quelli esistenti prima della Riforma Fornero, che intendeva...
Novità Pensioni Oggi: dal 2019 si andrà in pensione a 67 anni Appena l'altro giorno, l’ISTAT ha confermato che, alla luce del continuo aumento dell'aspettativa di vita, dal 2019 si andrà in pensione a 67 anni. Ma vediamo nel dettaglio cosa cambierà nei prossimi anni. Novità Pensioni Oggi: pensione a 67 anni? ...
RITA Pensioni 2017: che cos’è, chi sono i destinatari e quali sono i requi... Negli ultimi tempi si sta sentendo parlare molto della RITA, acronimo di Rendita Integrativa Temporanea Anticipata. Ma di cosa si tratta? E qual è il legame con le pensioni? RITA Pensioni 2017: che cos'è? La rendita integrativa temporanea anticipat...

 

Maggiori informazioni qui:
Ti è piaciuto l'articolo? Sei rimasto soddisfatto? Aiutaci a far crescere il portale clicca qui: