Pensioni precoci quota 41 news: flessibilità in uscita

Pensioni precoci quota 41 news: tutte le novità sulla Riforma Pensioni

Continuano i dibattiti in merito alla Riforma delle Pensioni. Sembra che il riordino del sistema previdenziale, che dovrebbe esser inserito nella Legge di stabilità 2016, non piaccia proprio a nessuno. Ma nonostante la mobilitazione dei sindacati e i malumori dei lavoratori precoci che sperano nella quota 41, il Governo glissa sull’argomento, impegnando fondi e risorse su questioni “più elettorali”, prima su tutte l’abolizione della Tasi.

Pensioni precoci quota 41: mobilitazione sindacale dal 5 al 15 ottobre

Modificare la Legge Fornero e garantire più flessibilità in uscita. Sono questi i punti fondamentali alla base delle richieste dei sindacati. Stando alle ultime notizie le associazioni di categoria avrebbero deciso di far sentire la loro voce sul tema delle pensioni.

Con una nota diffusa il primo ottobre, Cgil Cisl e Uil hanno indetto una mobilitazione nazionale dal 5 al 15 ottobre davanti a tutte le prefetture italiane. La richiesta è di riformare il sistema pensionistico in modo da garantire maggiore flessibilità in uscita e favorire il turnover. Interventi che porterebbero una riduzione della disoccupazione giovanile, che negli ultimi anni ha toccato i massimi storici.

Dura la Uil. Aspetto il confronto con il Ministro del lavoro Giuliano Poletti, ha dichiarato il Segretario Generale Barbagallo. “Bisogna dare flessibilità in uscita ai lavoratori, perché non tutti possono andare in pensione alla stessa età, ma bisogna farlo senza penalizzazioni”. Così commentava a luglio la situazione del sistema pensioni.

Pensioni precoci quota 41, esodati e opzione donna: servono nuovi fondi

Anche CGIL e CISL hanno richiesto al Governo Renzi un tavolo di confronto in merito alla situazione pensionistica. La Cgil ha ricordato che, nonostante da tempo si aspetti una riforma del sistema previdenziale, il Governo continua a tergiversare senza mai arrivare a proposte concrete.

Un’attenzione particolare è rivolta agli esodati e all’opzione donna, misure per le quali sono necessarie nuove coperture. Ai lavoratori precoci il primo ministro Renzi non ha mai dato una risposta concreta sulla possibilità di mettere in pratica la quota 41 senza penalizzazioni.

Nei giorni scorsi le associazioni sindacali hanno ribadito la necessità della quota 41 e Damiano ha rilanciato la sua proposta. Ora la palla passa al Governo, che non può continuare a far finta di niente. Per scoprire come si evolverà la situazione non ci resta che aspettare le prossime dichiarazioni degli organi competenti.

Preventivi prestiti gratis in 5 minuti

 

Calcolo Pensione Online: ultime notizie

Pensioni, Poletti “Più flessibilità in uscita, largo ai giovani” Flessibilità in uscita pensioni ultime notizie Oggi, durante un convegno promosso dalla Uil, il ministro del Lavoro Giuliano Poletti ha riconfermato le intenzioni del Governo in merito alla questione delle pensioni anticipate. Attualmente pare che l...
Pensioni lavoratori precoci: ecco le novità all’orizzonte In merito alle pensioni lavoratori precoci si profilano diverse novità all'orizzonte. Ecco un confronto tra le opzioni papabili. Reddito di cittadinanza: le misure per gli over 55 senza lavoro Per quanto riguarda il tema pensioni lavoratori precoci...
Pensione anticipata: le novità per il prossimo anno Quali sono le novità più importanti per il 2016 in merito a pensione anticipata? Ecco tutte le specifiche che interesseranno i lavoratori prossimi alla pensione nel corso del prossimo anno. Pensione anticipata news: ecco le novità per il 2016 Cosa ...
Penalizzazioni pensioni anticipate: ecco come funzionano Il nodo penalizzazioni pensioni anticipate è un aspetto molto importante, che deve essere approfondito sia quando si analizza lo status quo, sia quando si parla del futuro previdenziale di tantissimi italiani. Pensioni: cosa prevede la Legge Fornero...
Pensioni Quota 100: come e quando andare in pensione? Pensione anticipata: la riforma Fornero va cambiata La riforma Fornero, alla fine dei giochi, si è rivelata fallimentare su tutti i fronti. In primo luogo ha creato un buco di parecchi miliardi (vedi questione dell’indicizzazione), in seconda istanz...

 

Maggiori informazioni qui:
Ti è piaciuto l'articolo? Sei rimasto soddisfatto? Aiutaci a far crescere il portale clicca qui: