Pensione opzione donna 2017: le critiche della sociologa Chiara Saraceno

Chiara Saraceno, sociologa della famiglia, ha usato parole molto dure sulla pensione opzione donna 2017. La definizione è a dir poco cruda: secondo la Saraceno il regime sperimentale è ‘una bella fregatura’. Le lavoratrici, a suo dire, possono sì andare in pensione prima, ma a spese loro.

Il regime, in vigore tra varie proroghe fin dal 2004, permette infatti di andare in pensione a 57 anni e 3 mesi – un anno dopo in caso di lavoro autonomo – ma con il calcolo dell’assegno tramite metodo contributivo.

Saraceno: il problema è la mancanza di welfare

La professoressa Saraceno ha rincarato la dose in merito alla pensione opzione donna 2017 affermando di non ritenere accettabile una decurtazione così importante dell’assegno. A suo dire la scelta dell’Opzione Donna è dettata o dalla presenza di altre entrate economiche in famiglia, o dalla necessità, per mancanza di welfare, di lasciare il lavoro per accudire i genitori o aiutare i figli.

Parità di genere pensionistico: ecco perché non potrebbe cambiare le cose

Secondo Chiara Saraceno, la parità di genere pensionistico invocata anche a livello europeo non potrebbe cambiare radicalmente le cose. A suo dire, tale schema non sarebbe in grado di garantire uno stile di vita adeguato dopo la pensione alle donne.

Secondo la sociologa della famiglia sarebbe quindi opportuno mettere in atto, assieme al calcolo delle penalizzazioni, anche un calcolo relativo ai contributi figurativi. In questo modo verrebbero riconosciuti ufficialmente i periodi dedicati all’attività di cura.

A suo dire questo contributo economico compenserebbe parte di quanto perso con la scelta dell’uscita anticipata con la pensione opzione donna 2017 per assistere familiari o affetti non autosufficienti.

Donne e doppio lavoro: una doppia mansione non retribuita

Queste considerazioni sulla pensione opzione donna 2017 permettono di ricordare che, in Italia, per le donne vige la regola della doppia mansione, con lavoro sia in casa sia fuori. Quello tra le mura domestiche non viene retribuito.

Donne che lavorano in casa: quale risparmio per le casse pubbliche

Parlare delle mancanze della pensione opzione donna 2017, come sopra specificato, significa necessariamente considerare il nodo delle doppie mansioni femminili. Il fatto che il lavoro svolto in casa nella cura domestica e in quella personale di parenti non sia pagato è un grosso risparmio per le casse pubbliche.

Secondo i dati Auser, si parla di più di 15 milioni di persone, soprattutto donne, che svolgono quotidianamente queste mansioni che non producono un reddito da lavoro e quindi una pensione. In molti casi si tratta di una scelta fatta per sopperire a una carenza istituzionale.

Il 42% circa delle donne tra i 25 e i 54 anni è per esempio impegnata nella cura della madre. In questo novero la quota di occupate è pari al 55% circa.

Preventivi prestiti gratis in 5 minuti

 

Calcolo Pensione Online: ultime notizie

Come avviene il calcolo pensione opzione donne? Calcolo pensione opzione donne: quali sono le novità per il 2015? Il 2015 sarà un anno di novità per la questione della riforma pensioni. Secondo le ultime indicazioni arrivate dal Parlamento, il prepensionamento interesserà sia le donne che gli uom...
Riforma pensioni 2016: le lavoratrici chiedono l’opzione donna Riforma pensioni 2016: le lavoratrici richiedono la proroga dell’opzione donna La prossima settimana si annuncia cruciale per le decisioni del Governo in merito alla riforma del sistema previdenziale italiano. Sono molti infatti i lavoratori che anc...
News pensioni precoci: le speranze di Damiano Pensioni lavoratori precoci novità: la Legge di Stabilità Fino a qualche mese, l’opinione generale suggeriva una Legge di Stabilità in grado di stravolgere il sistema pensionistico, o almeno capace di risolvere quei problemi che molte categorie di l...
Opzione donna: ecco cosa non puoi non sapere sui requisiti L'opzione donna è un regime in vigore dal 2008, che permette alle lavoratrici di andare in pensione a 57 anni di età (58 se autonome) e 35 anni di contributi, a patto di accettare il calcolo dell'assegno con il metodo contributivo. Pensioni news: la...
Pensioni anticipate donne: requisiti e richiesta Il tema delle pensioni anticipate donne è stato uno dei più discussi negli ultimi mesi per quanto riguarda l’ambito previdenziale, il tutto nel corso di un 2015 privo di effettivi cambiamenti rispetto alla Legge Fornero, che ha penalizzato diverse ca...

 

Maggiori informazioni qui:
Ti è piaciuto l'articolo? Sei rimasto soddisfatto? Aiutaci a far crescere il portale clicca qui: