Calcolo Pensione Opzione Donna, come fare?

Con la Riforma delle Pensioni, facente parte di un più ampio Piano di Stabilità, si è creato il problema di calcolare l'Opzione Donna, una possibilità inclusa nella legge emanata.

A dire il vero non si tratta di un calcolo troppo difficile da fare e un qualsiasi specialista del campo burocratico potrebbero eseguirlo senza problemi. In alternativa è possibile affidarsi a un tool automatico per il calcolo opzione donna.

Molti siti che si occupano delle pensioni e di temi affini hanno messo a propria disposizione diverse applicazioni automatiche: basta soltanto compilare un semplice cartiglio inserendo alcuni dati, tra cui la data di nascita, la retribuzione mensile, il trattamento accessorio, la durata di versamento dei contributi e così via.

Una volta inseriti tutti i dati gli interessati non dovranno che cliccare sul tasto Calcola, per vedere la quantità di pensione che gli spetta di diritto. Niente di difficile, insomma, specialmente considerando che il calcolo pensione opzione donna è facilissimo e istantaneo: avviene nel giro di pochi secondi. I tool più affidabili sono quelli targati INPDAP, pensionioggi.it e Sole 24 ore.

Calcolo Pensione Opzione Donna e i margini di errore

Con l'uscita delle nuove normative in tema di pensione, andare in pensione a 35 anni di contributi versati allo Stato Italiano è un'azione relativa alla misura dell'assegno e spesso difficile da verificare.

L'importo, per questo, è approssimativo: il calcolo pensione opzione donna non è esatto al 100%, ma lascia spazio ad alcune inesattezze di natura prettamente matematica.

La scelta di andare in pensione dipende in larga parte dal reddito che si andrà a percepire: più sarà alto e prima si vorrà andare in pensione. Viene calcolata l'età di uscita e quella di entrata: più tardi si utilizza l'Opzione Donna e minore sarà il malus sulla pensione, in quanto salirà il coefficiente dei contributi versati.

Inoltre bisogna verificare che la lavoratrice interessata all'Opzione Donna abbia maturato almeno 18 anni di contributi versati prima del 1995. Qualora fosse così, l'impatto del passaggio al sistema contributivo sarebbe largamente maggiore e rischierebbe di decurtare l'assegno in misura significativa.

Senza dimenticarsi della carriera lavorativa della lavoratrice. Qualora questa abbia versato contributi elevati nel periodo dal 1986 al 1995, l'opzione donne proroga 2018 diventerebbe ancora più vantaggiosa.

Opzione Donna ultime novità

Dopo l'implementazione di questa novità nel mercato del lavoro, se ne sono dette e fatte tante. C'era chi voleva escludere quest'opzione per una presunta parità di sessi che deve realizzarsi anche sul mercato del lavoro.

E chi, invece, ha cercato di porre un particolare accento sul fatto che molte donne sono anche madri e devono andare in pensione prima. Alla fine dei conti si è deciso di limitare la manovra a un paio di anni.

L'Opzione Donna proroga 2018 permetterà di usufruirne non solo nel 2017, ma anche nel 2018 e, probabilmente, nel 2019 e 2020. Tutto questo dovrebbe contribuire a controbilanciare il mercato del lavoro.

Preventivi prestiti gratis in 5 minuti

 

Calcolo Pensione Online: ultime notizie

Ape social, pensioni 2017: ecco chi può accedere, i nuovi requisiti L’ape social, il reddito ponte introdotto con la Legge di Stabilità, è dedicato a invalidi, care givers, disoccupati di lungo corso. Si sta lavorando per dei ritocchi che, se concretizzati, potrebbero riguardare la categoria degli invalidi e ampliarl...
Riforma pensioni: un confronto tra opzione donna e APE Lo scenario della riforma pensioni per i prossimi mesi sarà dominato dalla contrapposizione tra opzione donna e APE, due alternative valide per uscire anticipatamente dal percorso lavorativo. Flessibilità in uscita: come andranno le cose l’anno pros...
Pensioni novità Quota 41: cosa succederà nei prossimi mesi? Il 2015 è stato un anno di discussioni accese in merito alle pensioni. La situazione della Legge Fornero non ha subito però sostanziali modifiche, lasciando molte persone in attesa di pensioni novità Quota 41 - i lavoratori precoci in particolare - e...
Pensioni Inps ex Inpdap: in vigore il D.l 65 del 21 maggio Con l’inizio di questo mese è entrato in vigore il decreto legge 65 del 21 maggio 2015, una grande novità per le pensioni Inps ex Inpdap. Pensioni: dal 1° giugno tutti i trattamenti pagati il primo del mese Con questo decreto legge è stata introdot...
Pensioni flessibilità: ecco perché lo Stato risparmierebbe In queste settimane si è parlato di flessibilità del sistema previdenziale come un ulteriore aumento delle spese per lo Stato e per le casse dell’Inps. Ma è davvero così? Dalla Commissione Lavoro arrivano pareri favorevoli in merito fin dalla pass...

 

Maggiori informazioni qui: , ,
Ti è piaciuto l'articolo? Sei rimasto soddisfatto? Aiutaci a far crescere il portale clicca qui: